Category Tutte le News

Bach & Italy (Call for Papers, Torino, 26-28 novembre 2020)

Thanks to a long tradition that began with Bach’s contemporary, Padre Martini,  Italy is considered today as a “Bachian” country. 

The past 250 years have seen an abundance of creative interactions with Bach and his music, including numerous transcriptions, arrangements and editions, scholarly and non-scholarly writings, Bach festivals, recordings and the use of Bach’s music in the media.

Maggiori informazioni

Bando VQR 2015-2019 (ANVUR)

La prima grossa novità istituzionale del 2020 è la pubblicazione da parte dell’ANVUR del bando per la VQR 2015-2019 che sarà oggetto di riflessione anche nel corso della prossima Assemblea.

Qui il link al bando nel sito ufficiale ANVUR

La musica delle diaspore nel XXI secolo: ricerche e metodi (Fondazione G. Cini, Venezia, 23-25 gennaio, 2020)

Il seminario Musiche (e musicologie) del XXI secolo giunto alla sua quinta edizione, intitolata La musica delle diaspore nel XXI secolo: ricerca e metodi, intende dibattere su una questione che riteniamo di forte attualità: il ruolo che svolge la musica nelle migrazioni a connotati diasporici del XXI secolo. Ciò implica una riflessione aggiornata sui fenomeni più recenti e una messa a punto delle metodologie ora impiegate dall’etnomusicologia per studiare questi processi. Anche in questo nuovo secolo, infatti, le diaspore costituiscono fenomeni importanti, sia che esse siano forzate per sfuggire a guerre o persecuzioni, sia che esse siano innescate da motivi economici. Un fenomeno antico quanto l’uomo sta assumendo oggi nuovi connotati a seguito di mutate condizioni sociali ed economiche, di forti cambiamenti nello scenario politico internazionale, e di nuove modalità di produzione e consumo musicale sempre più condizionate dai media e dalla tecnologia. La domanda che intende porsi il seminario è se siano necessari nuovi strumenti interpretativi e/o come debbano essere ritarate le metodologie sviluppate nel secolo scorso in cui gli studi sulla diaspora si sono sviluppati e hanno assunto autonomia disciplinare e prospettiva interdisciplinare.

Maggiori informazioni

Narrating Musicology. Reviewing the history/histories of musicology. (International Conference of the Institute of Musicology, University of Bern, 1-4 Ottobre, 2020)

In November 1996, a musicological colloquium was held at University of Bern under the title Musikwissenschaft – eine verspätete Disziplin? (‘Musicology – a Delayed Discipline?’). The discussions and outcomes that took place were then published four years later in an anthology of the same title, edited by Anselm Gerhard. The aim of both the conference and the publication was to focus less on specific key people or institutions, and instead foreground general tendencies within the history of musicology: from its beginning in the late 19th century until the time of publication and with a scope also beyond the German- speaking world. Even if relatively late, this approach proved essential for considering the history of the musicological discipline as an object of study in itself.

Maggiori informazioni

Out of Nature. Music between Natural Sound Sources and Acoustic Ecology (Call for Articles, Chigiana, vol. 50, 2020)

La rivista Chigiana intende promuovere un dibattito scientifico sul ruolo della natura nella costruzione dell’immaginario sonoro del ventesimo secolo attraverso la pubblicazione di un numero monografico dal titolo Out of Nature. Music between Natural Sound Sources and Acoustic Ecology (vol. 50, 2020), con key-note papers di Aaron Allen, Gianfranco Marrone, Makis Solomos e Barry Truax.

Maggiori informazioni

Archival Notes No 4 (2019)

Informiamo che è appena stato pubblicato il quarto volume di Archivial Notes.
Archival Notes is an open-access, peer-reviewed journal edited by the Institute of Music and published annually by the Fondazione Giorgio Cini. Contributions explore the holdings of the Fondazione Giorgio Cini music archives from musicological and multidisciplinary perspectives. The journal also features special issues with articles on specific topics related to the archival projects of the Institute of Music.

Maggiori informazioni

Memory, Identity and the Remediation of Musical Lives (Call for Papers, LAHP Student-led Interdisciplinary Conference 2020)

DEADLINE EXTENDED

Keynote speaker: Dr Nicolas Pillai (Birmingham City University)

The London Arts and Humanities Partnership is pleased to announce the interdisciplinary student-led conference Memory, Identity and the Remediation of Musical Lives, which will be hosted by King’s College London, Music Department (29-30 May 2020).

Maggiori informazioni

Stati generali della musicologia italiana (Roma, Sala Koch-Palazzo Madama, 14 novembre 2019)

Manifesto della musicologia italiana

La Musicologia costituisce un campo disciplinare assai ampio e differenziato, la cui assidua coltivazione è in vario modo e in varia misura indispensabile alla buona fisiologia della vita musicale e culturale di un Paese dalla ricca tradizione musicale come l’Italia. Istituzionalmente, la ricerca musicologica è affidata sia all’Università sia agli Istituti dell’Alta formazione artistica e musicale (AFAM), ma viene alimentata anche da fondazioni, istituti ed associazioni scientifiche di varia finalità e natura. Nella presente mozione il termine ‘Musicologia’ viene utilizzato in un’accezione onnicomprensiva: nella tassonomia dei settori scientifico-disciplinari in vigore nell’Università italiana esso si estende infatti dalla Musicologia e Storia della musica (L-ART/07) all’Etnomusicologia (L-ART/08), mentre nei settori artistico-disciplinari in vigore negli Istituti dell’AFAM esso si distribuisce in Bibliografia e biblioteconomia musicale (CODM/01), Etnomusicologia (CODM/02), Musicologia sistematica (CODM/03), Storia della musica (CODM/04) e Storia della musica elettroacustica (CODM/05).

 

Maggiori informazioni

Traveling diaries from Cristoforo Colombo to Charles Darwin (2-3 dicembre, Padova)

L’interesse per la storia della musica “altra” rispetto a quella della “vecchia” Europa si è concretizzato in diverse tavole rotonde, convegni e pubblicazioni. Ne è emersa chiaramente la necessità di ricostruire la storia musicale, a partire dall’Antichità sino al Medioevo e all’Età moderna, di quelle civiltà non europee che spesso non hanno tramandato la loro tradizione musicale attraverso la notazione scritta e/o la trattatistica musicale, ma che si sono a date principalmente alla trasmissione orale. Questa tematica di ricerca è diventata oggetto di studio dei musicologi, ma anche degli storici e antropologi interessati alla ricostruzione di una storia della musica come forma di espressione dell’uomo.

 

Maggiori informazioni

Pietro Nacchini, L’organo e le arti nel Settecento veneto (26 novembre, Padova)

La giornata di studio rientra nelle attività culturali e musicali incentrate sulla gura di Pietro Nacchini (1694-1769), celebre costruttore d’organi dalmata, naturalizzato veneziano, di cui quest’anno ricorre il 250° anniversario della morte. L’anniversario nacchiniano, che vede nella Fondazione Ugo e Olga Levi il principale ente organizzatore e sostenitore, consente di riaprire il dibattito scienti co e culturale sull’autore e le sue opere, ripensandone anche il valore culturale alla luce dei nostri tempi e delle giovani generazioni, così da approfondire i molti spunti di ricerca ancora aperti. L’evento è a cura di Massimo Bisson e Paola Dessì.

Maggiori informazioni