Category Convegni e Call for papers

Ventiseiesimo Colloquio di Musicologia del «Saggiatore Musicale» (call for papers, scadenza 10 luglio 2022)

Il XXVI Colloquio di Musicologia comporterà una prolusione inaugurale, affidata a Ivano Dionigi, due tavole rotonde, e varie sedute dedicate a relazioni libere. Le tavole rotonde del 4 e 5 novembre pomeriggio verteranno rispettivamente sugli adatta- menti filmici di opere liriche (coordina Francesco Finocchiaro, in collaborazione con Athena Musica) e sui luoghi di produzione e fruizione musicali al confine tra colto e popolare nel Settecento (coordina Maria Semi).

Maggiori informazioni

XXVI Incontro dei Dottorati di ricerca in Discipline musicali (Bologna, 18 giugno 2022)

Siamo lieti di annunciare il XXVI Incontro dei Dottorati di ricerca in Discipline musicali, che si terrà in presenza nel palazzo Marescotti Brazzetti in Bologna (via Barberia 4) sabato 18 giugno 2022 dalle 10:30 alle 17:30.
L’incontro è promosso dal “Saggiatore musicale” in collaborazione con il Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna, che tradizionalmente lo ospita, e con l’ADUIM, l’Associazione fra Docenti universitari italiani di Musica.

Maggiori informazioni

Convegno annuale della Società Italiana di Musicologia (Cremona, 21-23 ottobre 2022)

È aperto il bando per il XXIX Convegno Annuale della SIdM (21-23 ottobre 2021), organizzato in collaborazione con il Dipartimento di Musicologia e Beni culturali dell’Università di Pavia e il Conservatorio Claudio Monteverdi – ISSM di Cremona.
La scadenza per la presentazione di proposte è fissata al 19 giugno 2022.
Per maggiori informazioni rimandiamo al sito https://www.sidm.it/index.php/it/convegni/convegni-annuali-sidm?id=1044.

“Transnational Networks of Operetta in Early Unified and Fin de Siècle Italy” (University of Bern, 14-16 September 2022)

An international conference in affiliation with the project “Between Grandeur and Derision: the Evolution of Musical Dramaturgy in Unified Italy”, funded by the Swiss National Science Foundation.

Conference Organisers: Guillaume Castella, Anselm Gerhard & Laura Moeckli

Maggiori informazioni

L’arte dei suoni in bella mostra. Esperienze di museologia musicale (Bologna, 5 aprile 2022)

Giornata internazionale di studi promossa dal «Saggiatore musicale»
in collaborazione con Istituzione Bologna Musei – Genus Bononiae Musei nella Città

Maggiori informazioni

“Patrimonio Musicale dei Popoli nel Mondo Antico” (Padova-Ravenna, 21-23 marzo 2022)

Le tre giornate di convegno, organizzate dai dipartimenti dei Beni Culturali dell’Università di Padova e dell’Università di Bologna, campus di Ravenna, prendono spunto dalla riflessione che la musica è una delle prime manifestazione dello sviluppo di una intelligenza simbolica dell’essere umano. Esse si propongono di offrire momenti di condivisione delle metodologie da mettere in campo per comprendere la musica di popoli e tempi lontani, in prospettive multi e interdisciplinari.

Maggiori informazioni

“Memory and Performance: Classical Reception in Early Modern Festivals (15th-18th Century)” (Call for papers)

Siamo lieti di annunciare l’apertura della Call for Papers per la conferenza in due tappe tra Parma e Londra sulla ricezione classica nelle arti performative, organizzata in collaborazione tra l’Università di Parma, la University College of London e l’AGPRD della University of Oxford, e rivolta a studiosi nelle discipline storico-artistiche, letterarie e dello spettacolo:

Maggiori informazioni

“Aural Architectures of the Divine” (Firenze, 24-26 febbraio 2022)

Since ancient times, religious practices and the perception of the divine have been determined by the intersection of rite, sound and sacred space. Temples, churches and other sacred buildings not only define a holy place as a physical and symbolic expression of a specific faith, but establish the setting for performative and multisensorial religious ceremonies in which music and other sonic manifestations play an important role. The structure, decoration and furnishing of sacred buildings create specific acoustics which influence the soundscape of sacred spaces. Performative rites such as services, processions, sacred plays or other liturgical ceremonies use the potentials of these environments in specific ways. Vice versa, architecture reacts to ritual and musical developments by modifying venerable sanctuaries or in designing and constructing new buildings.

Maggiori informazioni

“Wébinaire doctoral international Philosophie et musicologie de l’audiotactilité” (Ciclo di incontri, 8 febbraio-31 maggio)

Co-organisation Laurent Cugny (Sorbonne Université), Maria Beatriz Cyrino Moreira (Universidade Federal da Integração Latino-Americana – UNILA), Lisa Giombini (Università degli studi Roma Tre).

L’audiotactilité, notion proposée par le musicologue italien Vincenzo Caporaletti, désigne une formativité musicale particulière fondée sur la médiation auditive et corporelle, en lieu et place de la représentation visuelle que la partition instaure dans le régime d’écriture. Cette formativité se disintgue également de l’oralité en cela qu’elle incorpore à son régime l’enregistrement phonographique, comme fixation de l’ensemble des caractères propres au performeur (en particulier sonores et rythmiques) et comme support de l’œuvre. Le jazz, le rock, la pop, le blues, les musiques populaires brésiliennes, le rap, etc., sont ainsi désignés comme « musiques audiotactiles », en tant qu’elles se fondent sur cette formativité, au-delà de leurs différences idiomatiques. Mais l’audiotactilité comme concept déborde ce seul périmètre et peut se révéler pertinent pour les musiques relevant des autres régimes, écriture, oralité ou improvisation. De façon plus large encore, toute question en relation avec l’esthétique musicale en général pourra être abordée au cours de ces rencontres.

Maggiori informazioni

“Collana di Culture musicali e arti performative per l’Abruzzo e il Centro Sud” (Call for books/Call for papers 2022)

Edizioni Kirke promuove la Call for books  – Call for papers per la “Collana di Culture musicali e arti performative per l’Abruzzo e il Centro Sud”, con scadenza 30 maggio 2022.
La Collana predilige un approccio trasversale alla ricerca e saranno pertanto considerati i contributi proposti per le seguenti aree tematiche:
– PATRIMONIO MUSICALE
– ARCHIVI SONORI
– BANDE MUSICALI TRA FORMAZIONE E RICERCA STORICA
– ARTI PERFORMATIVE

Maggiori informazioni