Author aduim

L’ADUIM ricorda Antonio Rostagno, insigne musicologo e socio prematuramente scomparso

Gentili Colleghe e Colleghi,
il consiglio direttivo dell’Aduim comunica con grande dolore la prematura scomparsa di Antonio Rostagno, stimatissimo collega e socio attivo da molti anni della nostra associazione. Ne ricorda la prestigiosa carriera di studioso in diversi ambiti della musicologia e il grande impegno didattico nell’Università di Roma “la Sapienza” presso la quale ha contribuito a formare generazioni di studenti e di studiosi, le doti di grande umanità, generosità e la sua inesausta curiosità intellettuale.

La Shoah come metafora. Analogie, ibridazioni, accostamenti (“Clessidre. Dialoghi interdisciplinari sulla memoria”, Call For Papers)

Nel dibattito pubblico degli ultimi decenni le analogie con la Shoah sono diventate ricorrenti. È un processo non nuovo (basti pensare all’incubo dell’“olocausto nucleare”), ma che col tempo si è allargato. In gran parte, questi accostamenti hanno riguardato genocidi, o eventi analizzati anche attraverso tale categoria, tanto che nell’ambito anglofono, dal 1945 ad oggi, i due lemmi (genocide e holocaust) si sono diffusi lungo strade interconnesse (Gordon e Perra 2016). È accaduto sul piano scientifico, come in quello pubblico, dove massacri quali quelli perpetrati nella penisola balcanica, in Tibet, in Cambogia, in Ruanda, in Congo, hanno fatto numerosi riferimenti alla Shoah, a loro volta alimentando il confronto sull’unicità di quest’ultima nella storia umana.

Maggiori informazioni

Ad un mese dalla scomparsa, l’Aduim ricorda Fiamma Nicolodi, socia della nostra Associazione e figura di spicco della musicologia italiana e internazionale

Per ricordare Fiamma Nicolodi

Il cielo non era più sereno da tempo, ma pur sempre di un fulmine si è trattato. Nella notte tra il 22 e il 23 agosto, a 73 anni, Fiamma Nicolodi ci ha lasciato. Senza retorica, si è spento un faro per la musicologia e per il mondo della cultura tutto.

Maggiori informazioni

Bellini@Verdi1801/2021 (22 settembre- 2 ottobre 2021)

Il progetto Bellini@Verdi1801/2021 è organizzato da Fondazione Bellini-Centro Studi Belliniani e dall’Istituto Nazionale di Studi Verdiani, col sostegno delle Università di Catania e Ferrara e in collaborazione coi Festival 2021 dedicati ai due musicisti.

Maggiori informazioni

Perspectives on Sylvano Bussotti (29 September – 1 October 2021, Online)

Si segnala il convegno “Perspectives on Sylvano Bussotti”, della Justus-Liebig-Universität Gießen, Institut für Musikwissenschaft und Musikpädagogik e con il patricinio dell’Università Ca’ Foscari Venezia, Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali, che si svolgerà online, via zoom, nei giorni 29 settembre e 1 ottobre del 2021.

Per il programma aggiornato e maggiori dettagli si rimanda al sito ufficiale dell’iniziativa.

“Un cielo nascosto” Primo Festival Giovanni Morelli

Un cielo nascosto – Festival Giovanni Morelli

 

“Cantare la polifonia da Josquin a Philippe de Monte” (Arezzo, 25-27 agosto 2021, Convegno)

In occasione del quinto centenario della morte di Josquin des Prez (ca. 1450-1521) e della nascita di Philippe de Monte (1521-1603) la Fondazione Guido d’Arezzo, il Centro Studi Guidoniani e la rivista Polifonie organizzano il convegno di studi Cantare la polifonia: da Josquin a Philippe de Monte, che si terrà ad Arezzo nei giorni 25, 26 e 27 agosto 2021, sia in presenza che online.

Il convegno intende offrire un panorama sintetico dello stato della ricerca su questi due maestri della polifonia cinquecentesca, sui generi e sottogeneri musicali del tempo, sui rapporti fra musica vocale e strumentale, e su vari altri aspetti compositivi, notazionali e di prassi esecutiva di interesse attuale in ambito musicologico.

On the occasion of the 500th anniversary of Josquin des Prez’s death (ca. 1450-1521) and of Philippe de Monte’s birth (1521-1603), the Fondazione Guido d’Arezzo, the Centro Studi Guidoniani, and the journal Polifonie will host the conference ‘Singing polyphony: from Josquin to Philippe de Monte’ in Arezzo on 25-26 August, 2021 (to be held both in person and online).

The conference aims at providing an overview of current research on these two masters of Renaissance polyphony, as well as on the musical genres and subgenres of the time, on the relationships between vocal and instrumental music, and on other compositional, notational, and performing aspects that are currently the objects of scholarly investigations.

Il convegno si svolgerà in streaming collegandosi al sito: www.polifonico.org
o al canale Youtube della Fondazione Guido d’Arezzo

The meeting will be held remotely through the Website www.polifonico.org

Scarica il file .pdf con il programma completo del convegno

Convegno internazionale sulla critica musicale (Università di Milano-IULM, 30 novembre; 1, 2 dicembre 2021)

Organized by the Master in Music Publishing and Production and the “Giampaolo Fabris” Department of Communication, Arts and Media Studies, Milan-IULM University

Organizzato dal Master in “Editoria e produzione musicale” e dal Dipartimento “Giampaolo Fabris”, Università di Milano-IULM

With the contribution of Finleonardo S.p.a./Col contributo di Finleonardo S.p.a.

To the memory of Arrigo Polillo, and in honor of Quirino Principe/In memoria di Arrigo Polillo, e in onore di Quirino Principe

Concept by Luca Cerchiari; curated by Luca Cerchiari and Stefano Lombardi Vallauri

30.11 e 1 e 2.12.2021

Sala dei 146, IULM 6

Maggiori informazioni

Premio Rotary Giacomo Puccini Ricerca (scadenza 15 novembre 2021

Il Centro studi Giacomo Puccini con il Rotary club di Lucca e la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca ha emanato il bando per la sesta edizione del “Premio Rotary Giacomo Puccini Ricerca”. Si tratta di un premio di 10.000 euro da assegnarsi ad uno studioso che intenda svolgere ricerche di argomento pucciniano.
La scadenza del bando è il 15 novembre 2021.
Per maggiore informazione si scarichi il fascicolo informativo.

Bando “De Sono” (scadenza 31 agosto 2021)

La De Sono promuove fin dalla fondazione la pubblicazione di studi musicologici. Tre le sue collane in catalogo: «Tesi» è dedicata alle migliori dissertazioni universitarie, «Saggi» è riservata agli studiosi affermati, «Repertori Iconografici» ricostruisce con le immagini la vita di grandi musicisti.

Ogni anno nelle università italiane vengono discusse tesi di laurea e di dottorato in discipline musicologiche. La De Sono, fin dalla fondazione, sostiene la pubblicazione delle migliori ricerche svolte in ambito accademico, aiutando concretamente i giovani studiosi ad affermarsi nel loro settore. Il comitato editoriale è composto da tre musicologi di riconosciuto prestigio internazionale: Giorgio Pestelli, Lorenzo Bianconi e Alberto Rizzuti, e coordinato da Andrea Malvano.

Continua a leggere sul sito